openaxs - fiber connection for everyone

Lucerna: rete in fibra ottica con lacune

Il gap tra città e campagna è una realtà: a Lucerna, Emmen e Ebikon i collegamenti in fibra ottica sono lo standard di ogni abitazione. Il resto della regione di Lucerna dovrà invece cavarsela ancora tanti anni senza internet ad alta velocità.

Scaricare un film in 10 secondi? Si può. Grazie alla fibra ottica. Per gli abitanti di Lucerna questa tecnologia è ormai lo standard: il 96% delle abitazioni è collegato con la fibra ottica. Emmen e Ebikon vantano coperture analoghe. Ma al di fuori di questi tre comuni la velocità di navigazione massima si riduce rapidamente. A Kriens, Horw o Meggen internet con una velocità di download di 1000 megabit al secondo non è praticamente disponibile per i privati. A Kriens adesso è scesa in campo anche la politica. Un postulato dei Verdi chiede di accelerare l’espansione della fibra ottica anche a Kriens.

Ma qual è la ragione di queste differenze nella regione di Lucerna?
A Emmen e Ebikon Swisscom ha avviato la costruzione di una rete in fibra ottica capillare già sei anni fa. Anche nella città di Lucerna Swisscom e l’azienda elettrica della città Energie Wasser Luzern (EWL) hanno l’obiettivo di collegare alla fibra ottica tutte le abitazioni. Secondo EWL finora nell’area urbana l’espansione della fibra ottica è costata circa 100 milioni di franchi. La presenza della fibra ottica non garantisce tuttavia automaticamente una rete internet più veloce.
La linea viene attivata solo quando viene concluso un apposito abbonamento. Attualmente EWL conta circa 6000 clienti che navigano con la fibra ottica. Swisscom non rende noto il numero degli abbonamenti conclusi in città.
In tutta la Svizzera oggi 1,4 milioni di abitazioni e uffici sono collegati con la fibra ottica. Il numero dei collegamenti dei prossimi anni è ancora incerto. Swisscom punta in misura crescente a una soluzione di compromesso, in cui la fibra ottica termina a circa 250 metri prima dell’abitazione. L’ultimo tratto fino all’appartamento («l’ultimo miglio») è coperto dal cavo in rame esistente. Questa soluzione consente di raggiungere solo velocità di circa 80 megabit al secondo, 12 volte in meno rispetto alla rete in fibra ottica vera e propria.

Fonte: quotidiano Luzerner Zeitung