openaxs - fiber connection for everyone

Connubio tra la telefonia mobile di Sunrise e la rete via cavo di UPC

Sunrise intende acquisire UPC per 6,3 miliardi di franchi. I numeri due della telefonia mobile e fissa uniscono le loro forze per competere con la potente Swisscom. «Possiamo diventare il maggior competitor di Swisscom nel mercato svizzero», ha dichiarato il capo di Sunrise Olaf Swantee in occasione di una teleconferenza.

Finora Sunrise è il secondo operatore svizzero di telecomunicazioni, me è il numero due, dietro a Swisscom, solo nel settore della telefonia mobile. Nella telefonia fissa è al terzo posto dopo il leader del settore Swisscom e la promessa sposa UPC, mentre nel settore televisivo è solo al quarto posto dopo Swisscom, UPC e l'operatore di rete via cavo Quickline. Al contrario UPC, il più grande operatore via cavo svizzero, è forte solo nel settore televisivo e della telefonia fissa, dove subisce tuttavia una crescente emorragia di clienti. D’altro canto, il settore della telefonia mobile di UPC è ancora molto piccolo nonostante la forte crescita. Con l'acquisizione di UPC, Sunrise accresce la sua importanza anche nel settore della televisione, di internet e della telefonia fissa e si avvicina a Swisscom. UPC e Sunrise totalizzano insieme una quota di mercato del 31% nel settore televisivo e del 30% in internet. Nella telefonia mobile la quota di mercato congiunta è leggermente inferiore al 25%. Inoltre, con UPC Sunrise avrà finalmente una propria rete fissa per i clienti finali.
Il capo di Sunrise Swantee dichiara che la fusione rafforzerà la concorrenza: l’obiettivo della nuova Sunrise è acquisire quote di mercato, sia tra i clienti privati che tra quelli commerciali. Anche in quest’ottica UPC e Sunrise sono complementari. Se Sunrise è forte tra le grandi aziende, UPC è focalizzata sulle piccole e medie imprese (PMI).
Swantee punta a un rafforzamento anche nella banda larga: con la rete via cavo di UPC Sunrise raggiunge il 60% dei nuclei familiari con una velocità massima attualmente pari a 600 megabit al secondo (Mbit/s) ed entro la fine dell’anno inizierà a passare alla nuova tecnologia Docsis 3.1 che garantirà una velocità massima di 1 gigabit al secondo (Gbit/s).
Le connessioni in fibra ottica di velocità paragonabile di Swisscom coprono invece solo un terzo dei nuclei familiari della Svizzera. Swisscom collega i restanti edifici con le più lente linee in rame.