openaxs - fiber connection for everyone

Il canton Turgovia si costruisce un DNA digitale

L’associazione «Smarter Thurgau» vuole preparare cantoni, comuni, scuole e aziende per il futuro digitale. Per farlo si rivolge in particolare alla generazione più matura che oggi occupa posizioni di responsabilità.

Il canton Turgovia non ha grandi metropoli ed è organizzato su base locale: per 80 comuni esistono 100 fornitori di energia, ovvero 1,2 fornitori di energia per ogni singolo comune: un record nazionale!
Inoltre, non ci sono quasi grandi imprese, ma molte piccole aziende per lo più attive in campo industriale e artigianale, senza affinità con la tecnologia digitale. Il cantone, noto innanzitutto per la sua produzione di mele, non è la Silicon Valley. La domanda che occorre porsi è dunque come riusciranno tante piccole aziende quasi prive di competenze digitali ad affrontare insieme la trasformazione digitale.

Un ringraziamento a openaxs
A questa domanda, il Consigliere di Stato Walter Schönholzer risponde: «Attraverso la cooperazione.» Questa è stata anche la strategia vincente negli scorsi anni, quando si è reso necessario realizzare un’efficace rete in fibra ottica. Il 50% delle economie domestiche del cantone è connesso alla rete in fibra ottica – una quota molto più elevata della media svizzera (33%).
All’avanzamento dei lavori di realizzazione della rete ha contribuito in misura notevole anche openaxs, afferma Schönholzer, e ringrazia l’associazione per gli sforzi profusi. Continua spiegando che spesso l’ex monopolista Swisscom aveva trascurato i piccoli comuni, finché alcuni fornitori locali di energia, sostenuti da openaxs, hanno reagito obbligando Swisscom a investire finalmente nell’infrastruttura.
L’infrastruttura è buona, ma il cantone come la sfrutta al meglio? Anche in vista della trasformazione digitale il canton Turgovia punta sulla cooperazione. «Smarter Thurgau», così si chiama la piattaforma che avrà il compito di affrontare questa sfida.

La piattaforma digitale multiservizi
Essa è rivolta non tanto ai nativi digitali quanto piuttosto a coloro che all’interno delle autorità e delle aziende occupano attualmente posizioni dirigenziali. «Dobbiamo conquistare chi nel nostro cantone occupa posti di responsabilità: responsabili di uffici cantonali, dirigenti, proprietari di aziende, membri di consigli di amministrazione, direttori di scuole», rivela Manfred Spiegel, CEO di Smarter Thurgau, alla Conferenza FTTH openaxs.
«Ognuno forgia il proprio destino. La fortuna del canton Turgovia deve venire dal cantone stesso», dice Manfred Spiegel. L’associazione Smarter Thurgau vuole riunire esponenti della politica, dell’economia, dell’educazione, dello sport e di diverse associazioni affinché si adoperino congiuntamente per accrescere l’attrattiva del cantone.
Smarter Thurgau mette a loro disposizione una piattaforma digitale che riunisce molteplici servizi. L’associazione vuole rivolgersi in particolare alla generazione più matura. La Silver Society deve poter tenere il passo con la «danza con la tecnologia», come Spiegel chiama la digitalizzazione.
Entro quattro anni, Smarter Thurgau intende conferire al cantone rurale un DNA digitale. I relatori turgoviesi sono convinti che siano proprio i cantoni periferici a dover cogliere le opportunità offerte dalla trasformazione digitale. Perché, come dice laconicamente il Consigliere di Stato Schönholzer: «Chi non va al passo col tempo, col tempo se ne va».